GRUPPO DI LETTURA SAN VITALE | Via E. De Amicis, 21 - 40138 BOLOGNA
Venite a trovarci
© www.gruppodiletturasanvitale.it - Grafica, layout, contenuti e immagini di esclusiva proprietà del Gruppo di lettura San Vitale - Tutti i diritti riservati
FURFANTI, BANDITI E VAGABONDI NELLA CITTÀ CALAMITOSA
Home Chi Siamo Produzioni Laboratori Calendario Premio San Vitale A star fuori... Gallery
Contatti
Torna a Produzioni
Spettacolo teatrale con musiche dal vivo
Il Croce, che condanna senza ripensamenti le malefatte dei banditi veri, descrive con una certa indulgenza le furberie e le astuzie dei ciarlatani, ben sapendo che il “mestiere del vagabondo” e persino quello del furfante non rappresentavano una scelta, in quei tempi così difficili di guerre, epidemie, carestie cicliche, ma una dolorosa necessità, che costringeva un’incredibile moltitudine di poveri e di affamati ad affrontare le frustate, le torture, il taglio di un orecchio e a volte a rischiare la pena di morte per sopravvivere, per tirare avanti in qualche modo. Anche quei cinque dello spettacolo sono abbastanza innocui. Il fornaio Gian Pitocco che abbandona il forno per la vita vagabonda è un furfante innamorato, bonaccione e birichino che vuol gustare la vita libera, dopo aver convinto l’accorta e appetitosa Grisolina a seguirlo, e a godere con lui di una improbabile ricchezza fatta leggendo le carte ai gonzi. I quali gonzi dovrebbero cadere nella rete di un così abile mendicante, impietositi dal racconto delle sue sventure, come gli hanno insegnato il più anziano Messer Scroccone della buona Limosina ed il cuoco Magrino, nome più coerente coi tempi di carestia di quello originale di Grassino.
Al ritmo vivace del musicista della Compagnia dei Rappezzati, il corteo allegro e straccione si avvierà verso Roma dove ricomincerà l’avventura delle burle e delle furfanterie.
Cinque mendicanti vagabondi, tra cui un musicista, si ritrovano nei dintorni di Bologna sotto le mura di una casa abbandonata dai suoi proprietari, forse falliti per la carestia che ha colpito la regione: sono diretti a Roma, al gran raduno dei mendicanti, ciarlatani, furfanti, buffoni, pitocchi. Ma quella sera di sosta è una sera speciale: da mangiare non c’è quasi nulla, e neanche da bere, però ugualmente viene fatto un contratto di matrimonio, si studiano le ultime furberie, si controllano i movimenti delle sagome per il “teatro delle ombre”, si fanno le prove per le buffonate, le farse e le giocolerie che sapranno stupire il popolino fino a fargli comprare i famosi “bussoli”, le boccette piene di “rimedi dalle mille virtù”, fino a fargli credere che le carte promettono un destino di abbondanza e salute. Da alcune delle opere più belle ed ironiche di Giulio Cesare Croce - “Il banchetto dei malcibati”, “La serenata di Gian Pitocco”, “Le lodi della prigione” - è stato tratto il testo di questo “spettacolo in musica” che spesso muove il riso, o almeno il sorriso, del pubblico.
Con: Elisabetta Balia, Stefano Cutaia, Carmine Scianguetta, Stefano Volpe
Musiche:Stefano Zuffi
Regia: Anastasia Costantini
Luci e scenografia. Andrea Ballanti
Adattamento teatrale del testo:
Maria Rosa Damiani
design by
Codice Fiscale: 91173170373  | Telefono: 051 - 346015 |info@gruppodiletturasanvitale.it